WebSeo
Il PPC o Pay Per Click è ormai parte integrante di qualsiasi campagna di marketing digitale che...
WebSeo
2020-07-21 12:12:56
WebSeo logo

Blog

Pay per click: uno strumento complementare al SEO

  • photo

Investire o non investire?

Il PPC o Pay Per Click è ormai parte integrante di qualsiasi campagna di marketing digitale che si rispetti. Piccole e medie imprese, in particolare, possono trarne sostanziali vantaggi. Anziché spendere tutto il loro budget iniziale su SEO, social marketing, campagne email e quant'altro, dovrebbero riservarne una fetta al PPC, che nelle fasi di partenza si rivela spesso una fonte solida di ritorno economico.

Ovviamente investire sul PPC è molto rischioso. Se si fa con poca cognizione di causa si rischia di esaurire il budget in men che non si dica. Il modo migliore è procedere lentamente e continuare a sperimentare per sondare il campo, capire cosa funziona e cosa non funziona.

Nel caso in cui non si conoscano AdWords o Facebook Ads sarà necessario affidarsi a degli specialisti. Un'azienda con le competenze appropriate nei servizi di marketing digitale, come Genial Brain, saprà gestire al meglio le campagne PPC. Una volta inquadrato l'obiettivo si procederà ad aumentare progressivamente il budget, osservando al contempo la concorrenza e assicurandosi le migliori parole chiave.

Il traffico sul sito web svolge un ruolo molto importante per il successo dell'azienda. E non si parla di semplice traffico ma del pubblico di destinazione per i prodotti pubblicizzati. Il SEO svolge un ruolo fondamentale nell'acquisizione di lead tramite contenuti organici. Usare le parole chiave giuste attira visitatori ma il processo non è immediato e soprattutto richiede una pubblicazione di post settimanali.

Google Ads Words e Facebook Ads fungono da supplemento. Per Google servirà scegliere parole chiave specifiche che porteranno l'annuncio tra i primi risultati di ricerca. Su Facebook, invece, gli annunci verranno mostrati al target selezionato.

Il PPC è senz'altro il miglior metodo per scoprire subito se un determinato prodotto abbia chance di poter essere venduto. Una volta pronto per il lancio si avvia una campagna di Google AdWords e si misurano i risultati sulla base dei primi 1000 visitatori. Il tutto ha un costo non irrisorio ma il lato positivo è che si potrà eventualmente correggere il tiro fin da subito qualora si riscontrassero dei problemi.

ARTICOLI CORRELATI